Classical Music Home

The World's Leading Classical Music Group

Email Password  
Not a subscriber yet?
Keyword Search
in
 
  Classical Music Home > Opera Libretti

Opera Libretti




Beethoven | Bellini | Berg | Berlioz | Bizet | Cavalieri | Cavalli | Clerambault | Debussy | Donizetti | Falla | Gluck | Gounod | Granados | Hallstrom | Handel | Hartke | Haydn | Kalman | Leoncavallo | Mascagni | Massenet | Mercadante | Meyerbeer | Monteverdi | Mozart | Pacius | Petitgirard | Portugal | Puccini | Purcell | Rachmaninov | Rossini | Sacchini | Strauss Johann II | Verdi | Wagner Richard | Wagner Siegfried | Walton | Weber
 
Gluck
Alceste
English
Title Page
Act 1
Act 2
Act 3
French
Synopsis
Italian
Synopsis
Title Page
Act 1
Act 2
Act 3

ATTO SECONDO

 
            Scena I
            Oscura e folta selva sacra agli Dei infernali. Notte.
            Entra Alceste con Ismene.
 
            Ismene
            Ferma. Perché abbandoni
            il tuo sposo spirante,
            i figli in pianto, la reggia in lutto?
            In questi solitari ritiri d’avide belve,
            il piede come ardisci inoltrar?
            Con qual disegno?
            Per qual vana speranza?
            E vuoi lascarti tanto
            in preda al dolor?
           
            Alceste
            T’accheta e parti.
           
            Ismene
            Ma dove andrai? Già l’ombre sue
            dispiega la cheta notte.
            Ignote sono a noi queste selve:
            un culto antico sacre le rende,
            ognuno ne paventa l’accesso.
            Ah! se fra tanto che qui
            senza consiglio errando vai,
            che privo di te, del tuo soccorso
            lasci lo sposo tuo, morte l’invola?
           
            Alceste
            Non parti?
           
            Ismene
            Ubbidirò.
           
            Alceste
            Lasciami sola.
           
            Ismene
            Parto, ma senti! Senti, oh Dio!
            Di te che mai sarà!
            Alceste, ah, per pietà,
            parla, rispondi, parla!
            Mi fa tremare il core
            quel che non sai celar,
            ma più mi fa tremar
            quel che m’ascondi.
           
            Alceste
            Non parti?
           
            Ismene
            Parto, oh Dio!
            Mi fa tremar il core, ecc.
            (Parte.)
           
           
            Scena II
 
            Alceste
            Partì, sola restai.
            Teneri affetti,
            magnanimi pensieri,
            eccovi in libertà.
            Ma dove sono,
            in qual parte m’aggiro,
            dove incauta m’inoltro?
            Ah, qual paura spirano queste piante!
            In qual profonda caliginosa notte
            mi veggo immersa!
            Un cheto, alto silenzio ingombra
            la tenebrosa selva, ove non odo
            vento alcun che sussuri,
            fronda scossa che tremi,
            eco che plori.
            Sol questi muti orrori
            interrompe talor lugubre suono
            d’acqua che fra le rupi
            urta e si frange,
            o di notturno augel che rauco piange.
            E fra tanti spaventi
            io respiro infelice.
            Ah, mentre in vita mi serba
            amor che vive in me,
            s’affretti il glorioso cimento.
            Assistetemi, oh numi,
            ecco il momento.
            Tu tiranno dell’ombre,
            tu signor dell’abisso,
            e voi di Lete e voi di Flegetonte,
            implacabili dei che avete il trono
            in quelle ignote al sol chiostre funeste,
            chiamo voi, parlo a voi.
           
            Numi infernali
            Che chiedi, Alceste?
           
            Alceste
            Chi mi parla? Che rispondo?
            (Si veggono comparire nel fondo del bosco alcuni spettri luminosi.)
            Ah, che veggo? Ah, che spavento!
            Ove fuggo, ove m’ascondo,
            ardo, gelo, e il core io sento
            venir meno oppresso in seno
            con un lento palpitar.
            Non ho voce, non ho pianto,
            manco, moro, e in tanta pena,
            il vigor mi resta appena
            per dolermi e per tremar.
           
            Numi infernali
            E vuoi morire, oh misera,
            quando di gioventù
            t’adorna il fiore?
            Troppo ti lasci opprimere
            in dura servitù da un cieco amore.
           
            Alceste
            Stelle!… Chi mi risveglia da quel forte letargo,
            in cui mi strinse debolezza, e terror!…
            L’ardir primiero come ritrovo in me!
            Come diversa tanto son da me stessa!…
            O sia che morte quanto più s’avvicina
            meno orribil diventi;
            o che men si sgomenti nell’incontro crudel,
            chi per sua scelta perde la vita;
            all’alma mia non sono già tremende così,
            già tanto atroci quell’ombre,
            quelle larve, e quelle voci.
 
            Numi infernali
            Altro non puoi raccogliere
            da questa tua virtù che un vano onore.
            pensa o malcauta giovane
            che mai risorge più,
            mai più chi more.
 
            Alceste
            Lo so, numi, lo so,
            ma forse intanto spira il mio ben,
            forse fra’ labbri suoi
            cogli ultimi singulti
            si confonde il mio nome.
            Ah no, si salvi, viva l’amato Admeto,
            e Alceste adempia i decreti del ciel,
            vittima illustre d’amore e fedeltà.
            Numi d’Averno, udite
            il voto mio tremendo e sacro.
            A voi, per il mio sposo,
            io mi consacro.
           
            Numi infernali
            Dunque vieni, la morte t’accetta,
            e di Lete ti mostra il sentier.
            Già ti chiama, ti sgrida,
            t’affretta, t’affretta
            dalla sponda l’antico
            l’antico nocchier.
            Vieni, ti sgrida, t’affretta
            dalla sponda l’antico,
            l’antico nocchier.
           
 
            Alceste
            Uditemi, fermate! Ah, troppo,
            oh numi, siete pronti a’ voti miei!
            Il caso mio è degno di pietà.
            Soffrite almeno che una moglie,
            una madre, dal consorte, da’ figli
            abbia un amplesso,
            prenda l’ultimo addio.
           
            Numi infernali
            Ti sia concesso.
           
            Alceste
            Non vi turbate, no,
            pietosi dei,
            se a voi m’involerò
            qualche momento.
            Anche senza il rigor
            de’ voti miei,
            io morirò d’amor
            e di contento.
           
            (Pantomima de’ Numi infernali)
 
           
            Scena III
            Camera del palazzo. I cortigiani celebrano    l’inaspettato ristabilimento d’Admeto.
           
            Cortigiani
            Dal lieto soggiorno funesti pensieri
            fuggite, volate, volate, fuggite.
            Al trono d’intorno ridenti piaceri
            venite, tornate, venite, tornate.
           
            (Ballo)
           
            Evandro
            Or che morte il suo furore
            porta altrove e il lutto e i pianti,
            che più belle son le stelle
            e per noi giran più liete:
            voi che amico avete amore,
            vaghe spose, accesi amanti,
            d’odorose fresche rose
            coronatevi e godete.
           
            (Ballo)
           
            Cortigiani
            Dal lieto soggiorno funesti pensieri, ecc.
 
           
            Scena IV
 
            Evandro
            Signor, mai più sincero d’un popolo fedele
            il giubbilo non fu.
            Quanto l’afflisse di perderti il timor!
            Padre t’adora, ti rispetta regnante:
            in te ripone la sua felicità.
            No, non eccede il publico piacer,
            quando fra tante di pianto,
            e di dolor meste vicende,
            pietoso a’ nostri voti,
            il ciel ti rende.
 
            Admeto
            Da qual letargo, Evandro,
            mi risveglio in un punto;
            e qual portento alla tomba m’invola!
            Ancor ingombra d’immagini di morte
            la mente mi vacilla; ad altri oggetti
            rivolgersi non osa l’attonito pensier;
            sospeso ancora in un dubbio molesto,
            non so troppo se sogno o se son desto.
           
            Evandro
            Ah, respira, mio re. Giorni felici
            ti promette la sorte.
            Idee più liete nell’anima raccogli;
            pensa a goder. Del
nostro amore
            è dono la vita che t’avanza;
            il nostro pianto dal ciel l’ottenne;
            alcun di tuoi più cari l’oracolo adempi.
           
            Admeto
            Come! Che ascolto?
            Che disse il nume?
           
            Evandro
            Il re morrà se un alto
            no muor per lui.
           
            Admeto
            Barbara legge! E credi…
           
            Evandro
            Sì! Tu risorgi e in un momento.
            Effetto non è questo del
caso,
            non d’umano soccorso;
            opra è del
ciel.
            Vi fu, signor,
            chi a morte per te s’offerse;
            il dubitarne è vano.
           
            Admeto
            Oh troppo ingiusto, oh strano
            voler de’ numi!
            Oh sacrifizio illustre
            d’un amico fedel!
            Merita, Evandro,
            più d’ogni altro la vita,
            chi così ne fa dono,
            E a chi son io di tanto debitor?
           
            Evandro
            Non è palese.
           
            Admeto
            E Alceste? E la mia sposa?
            Ov’è? Che fa?
            Perché non viene ancora meco a goder
            di queste contentezze improvvise?
           
            Evandro
            Eccoti Alceste.
           
           
            Scena V
            (Alceste, Ismene, Seguito d’Alceste e detti)
 
            Admeto
            Adorata consorte, e pur di nuovo
            ti riveggo, son teco, son tuo,
            ti stringo al sen.
            Per te penoso m’era il morir;
            per la diletta Alceste
            amo tanto la vita.
            I cari figli così mi serbi il ciel,
            com’io sol bramo
            nel nostro dolce laccio
            passarne i giorni, e poi
            morirti in braccio
 
            Alceste
            (Misera!che dirò)
 
            Admeto
            Non mi rispondi!
            Cosi mesta m’accogli!
            Ogni timore cessò pure per me.
            Serena il ciglio , è tempo di goder
            Nuovi portenti la tua presenza
            in me produce. Il raggio de’tuoi
            lumi amorosi in sen mi desta
            Un dolce ardor che me ravviva
            È dono de’ sommi dei, se questa
            fragil spoglia mortale ancor mi resta,
            ma il  piacer della vita
            è don d’Alceste
 
            Alceste
            (Oh momento! Oh dolor!)
             
            Admeto
            Sposa! Ben mio!
            Ma perchènon m’abbracci?
            Ma perchè non mi parli?
            Ah, qual m’ascondituo segretto dolor!
            Quanto crudele è per me quel silenzio
            E il
tuo frequente impallidire
            il sospirare, il tanto fissare in ciel gli sguardi
            ed a vicenda girarliin me
            che dir vorrà!
            Quel pianto che ti scorre sul volto,

            che reprimer non sanno
            i tuoi languido lumi
            è amore, è affanno
             
            Ah perchè con quelle lagrime
            m’avveleni il mio contento
            Perchè, Perchè
            Duncque io godo un sol momento
            e poi sempre ho da soffrir.
            Idol mio!
             
            Alceste
            Mancar mi sento.
           
            Admeto
            Non rispondi.
           
            Alceste
            Ah che martir!
           
            Admeto
            Uno sguardo…
           
            Alceste
            E senza piangere!
           
            Admeto
            Un amplesso…
           
            Alceste
            Oh Dio, l’estremo!
           
            Admeto
            Ah, m’ascolta…
           
            Alceste
            Io gelo, io tremo.
           
            Admeto
            Parla almen…
           
            Alceste
            Che posso dir!
           
            Admeto
            È mia pena il tuo tormento,
            sei mia speme e mio tesoro.
           
            Alceste
            (Mille volte io così moro
            pria di giungere a morir.)
           
            Admeto
            Consorte! Alceste! E perché piu palese
            a me non è tutto il tuo core?
            A parte perché più non son io
            de’ tuoi contenti, delle tue pene?
           
            Alceste
            Ah, la fedel sposa non affliger così!
            Tu vivi! e al mondo altri non v’è
            che più ne goda,
            e v’abbia di me parte miglior.
           
            Admeto
            Ma perché tanto dunque t’affanni?
           
            Alceste
            Oh Dio! non curar di saperlo.
           
            Admeto
            Altri perigli minaccia il cielo?
            Ah, mi conservi Alceste, e poi tutto
            si sfoghi in me lo sdegno suo!
            M’ami?
           
            Alceste
            Se t’amo?
            Lo san gli dei, lo sa il mio cor.
            T’adoro, t’adorerò.
            La tomba il mio pudico affetto
            estinguer non potrà. L’anima mia
            seco trarrà nel fortunato Eliso
            questo tenero amor.
            Per la tua vita, mille vite io darei.
           
            Admeto
            E i cari figli?
           
            Alceste
            Non ti turbar, son salvi i figli.
           
            Admeto
            E come, temer puoi che la sorte
            che ci ride felice ancor si cangi?
            Vivo: sei mia: son salvi i figli,
            e piangi!
           
            Alceste
            Ma non sai?
            Ma t’è ignoto,
            come Apollo parlò?
           
           
            Admeto
            Lo so; t’intendo;
            v’è chi more per me.
            Senti, io comprendo
            del magnanimo voto
            la sublime virtù.
            Tuo sposo
            apprese il prezzo della vita;
            un sì gran dono avanza ogni mercé!
            Ma se t’è noto quest’eroe,
            questo amico,
            questo benefattor, scoprilo:
            io giuro che eterno in questi lidi
            il suo nome vivrà; che alla sua sposa,
            a’ genitori, a’ figli,
            padre, figlio, consorte sempre sarò;
            che dopo te, mia vita, la miglior pensieri
            e del cor mio. Parla.
           
            Alceste
            Oh dei!
           
            Admeto
            Piangi?
           
            Alceste
            Ah sposo!
           
            Admeto
            E ben!
           
            Alceste
            Son io.
           
            Ismene, Evandro
            Santi numi del
ciel!
           
            Admeto
            Tu, come! Alceste! Tu stessa!
            Oh, colpo atroce! O nero giorno!
            Oh! d’una cieca mente, misero error!
            Tu m’ami e te non ami,
            e a segno di morir, di lasciarmi,
            di privarmi di te.
            Che mai facesti!
            Io quando mai ti chiesi
            questa prova d’amor!
            Quando? Rispondi, parla,
            stracciami il cor!
            Ma dove, oh Dio, dietro al dolor
            mi guida disperato pensier?
            No, che non tanto degli umani deliri
            si fa ministro il ciel.
            Sei mia;
            non puoi dispor di te
            s’io nol consento; il primo, e di moglie,
            e di madre sacro dover
t’obbliga a me;
            ma quando a quel voto crudel
            t’abbia sospinta la tirannia
            di fregolato affetto,
            non vivrò; vano è il dono;
            io non l’accetto.
           
            Alceste
            Sposo, non v’è più tempo.
            I voti miei son scritti in cielo.
            Il tuo presente stato lo palesa abbastanza,
            e mai più chiaro il dio parlò.
           
            Admeto
            No; sempre oscuro e sempre
            misterioso risponde.
            Io volo al tempio a interrogar di nuovo
            l’oracolo fallace.
            Il mio rifiuto saprà la terra.
            Io voglio che conosca, che apprenda
            che non curano i numi innocenza
            e virtù; che si fan giuoco
            de’ mortali infelici.
            In questo stato più riguardi
            non ho colla ragione. Perdo il timor.
            Da tanti fulmini atroci
            e in si brev’ora oppresso,
            odio il cielo, odio il mundo,
            odio me stesso.
           
            No, crudel, non posso vivere,
            tu lo sai, senza di te.
            Non mi salvi, ma m’uccidi
            se da me così dividi
            la più viva, la più tenera,
            cara parte del
mio cor.
            E un sì barbaro abbandono,
            e l’orror d’un tale addio,
            virtù credi e chiami amor!
            Nel tiranno affanno mio
            ogni morte, oh numi, è un dono:
            d’una vita così misera
            peggior sorte, oh Dio, non v’è!
            No, crudel, ecc.
            (Parte e seco Evandro.)
           
           
            Scena VI
 
            Alceste
            Oh tenerezza! Oh amore!
            degni d’altra fortuna
            e troppo presto estinti!
            Ah, già s’avanza il momento fatale!
            Ad ora, ad ora, illanguidir mi sento,
            mi sento indebolir.
            M’abbaglia il giorno, mi s’aggrava il respiro,
            un fuoco interno consumandomi va.
            Diletta Ismene, amorose compagne,
            negli estremi momenti
            assistetemi ancora.
            A me togliete queste misere pompe:
            a me recate le ghirlande, i profumi,
            l’ultime offerte mie abbiano i numi.
           
            Ismene
            Oh, come rapida nel suo bel fiore
            la via amabile per te fuggi!
           
            Cortigiani
            Oh, come rapida
            la vita amabile per te fuggi!
           
            Ismene
            Qual rosa tenera che in sull’albore
            gelido Borea inaridì.
           
            Cortigiani
            Oh, come rapida, ecc.
           
            Ismene
            E il cor non mi si spezza!
            E il nostro affanno, la tua pietà,
            la tua virtù non scema
            l’ingiustizia del
ciel.
           
            Alceste
            T’accheta; i numi a torto accusi;
            Alceste offendi. Io stessa
            volontaria m’offersi, e la mia morte
            è pietà, non rigor.
            Gli amati figli, fa che vengano a me.
            Fra tante pene abbia qualche contento
            nello stringerli al petto
            una madre che more.
            E voi frattanto meco a’ numi porgete
            i voti, e le preghiere, e non piangete.
           
            Ismene
            Così bella!
           
            Cortigiani
            Così giovane! Così casta! Così cara!
            Crudel preda a morte avara,
            giusti dei, perché sarà?
           
            Ismene
            Quel bel volto e quel bel riso…
           
            Cortigiani
            Lo splendor di que’ bei lumi…
            Ah perché, ah perché, pietosi numi,
            sempre a noi s’asconderà?
           
            Alceste (s’accosta all’ara, e brucia de’ profumi.)
            Vesta, tu che fosti e sei
            tutelar mio primo nume,
            per tuoi figli i figli miei,
            deh, ricevi in questo dì.
            Ed in te trovino allora
            ch’io sarò fredd’ ombra errante,
            una madre così amante
            come quella che morì.
           
            Tutti
            Oh, come rapida nel suo bel fiore, ecc.
           
            Alceste
            Oh casto, oh caro nuzial mio letto,
            mia dolce cura, mio solo affetto,
            finché da queste stelle funeste
            volle difendermi
            pietoso il ciel,
            se un’altra accogli sposa novella,
            sarà più cara, sarà più bella
            della tua misera estinta Alceste:
            ma non più tenera, né più fedel.
           
            Ismene
            Così bella, così giovane,
            dar se stessa in braccio a morte.
           
            Alceste, Ismene
            Fra i lamenti, fra le lagrime,
            e de’ figli, e del
consorte…
           
            Tutti
            Non v’è sorte, oh Dio, più barbara,
            non v’è affanno più crudel.
           
            Ismene
            Regina, ecco i tuoi figli.
            (prendendo i figli e conducendoli ad Alceste)
 
            Alceste
            Amati pegni del
pudico amor mio,
            teneri figli, abbracciate la madre!
            Ah, forse questi i nostri
            sono ultimi baci!
            Invano mi lusingai d’esser felice
            un giorno nel vedervi felici!
            Arder le tede io non vedrò,
            ne’ vostri lieti imenei:
            non udirò la Grecia vantar
            le vostre glorie e le vostre virtù.
            Che crudel sorte per una madre!
            Il sen m’inonda il pianto,
            l’impeto de’ sospiri
            mi soffoga gli accenti,
            ed all’aspetto di sì fiero destin,
            di tanti affanni, timorosa, smarrita,
            par che l’anima mia fugga la vita.
           
            Eumelo
            Ah, mia diletta madre!
            Oh Dio, mi baci e piangi!
            E vuoi lasciarmi
            e parli di morir.
           
            Aspasia
            Ah, madre amata!
            Oh Dio! m’abbracci,
            mia madre, e sospiri!
            E abbandonarmi vuoi.
           
            Eumelo, Aspasia
            Miseri noi!
           
            Alceste
            Figli, diletti figli! Oh Dio!
            Purtroppo ho da morire.
            Invano v’affollate al mio seno
            e mi stringete colle braccia amorose.
            Oh come presto
            questi nodi soavi sciolti saran!
            Quella pietà, quel pianto
            più giovarmi non può…
            Venite, andiamo al genitore:
            a lui vi fidi, a lui
            la moribonda madre vi raccomandi almen…
            Ma… qual m’assale
            nuovo atroce pensier
            che in ogni vena un ribrezzo mortale
            scorrer mi fa!
            Piangete, ah sì,
            piangete, innocenti fanciulli!
            Io v’abbandono con incerte speranze
            ad un amor ch’esser potrebbe spento
            col volgere degli anni…
            Eccovi servi a una madre –
            ah, qual madre! – madre solo di nome.
            Eccovi esposti all’invidia, a’ sospetti,
            agli odi, a tanti di regno, e gelosia
            ciechi consigli.
            Non avete più madre,
            amati figli!
            Ah, per questo già stanco mio core

            sono, oh cari bambini amorosi,
            tanti dardi que’ languidi sguardi
            che girate si teneri a me!
            Già vi sento turbarmi i riposi
            quando afflitti , smarriti, dolenti,
            qoi direti: ‘Ah la madre dov’è
            qh la madre, ah la madre mori
            È il più fiero di tutti i tormenti,
            lo staccarsi da’ dolci suoi figli,
            e lasciarli fra tanti perigli
            e lasciarli nel pianto cosi.
             
            Tutti
            Oh, come rapida nel suo bel fiore
            la vita amabile per te fuggi! Ecc.

 


Famous Composers Quick Link:
Bach | Beethoven | Chopin | Dowland | Handel | Haydn | Mozart | Glazunov | Schumann | R Strauss | Vivaldi
6:41:43 PM, 13 July 2014
All Naxos Historical, Naxos Classical Archives, Naxos Jazz, Folk and Rock Legends and Naxos Nostalgia titles are not available in the United States and some titles may not be available in Australia and Singapore because these countries have copyright laws that provide or may provide for terms of protection for sound recordings that differ from the rest of the world.
Copyright © 2014 Naxos Digital Services Ltd. All rights reserved.     Terms of Use     Privacy Policy
-212-
Classical Music Home
NOTICE: This site was unavailable for several hours on Saturday, June 25th 2011 due to some unexpected but essential maintenance work. We apologize for any inconvenience.