Classical Music Home

The World's Leading Classical Music Group

Email Password  
Not a subscriber yet?
Keyword Search
in
 
  Classical Music Home > Opera Libretti

Opera Libretti




Beethoven | Bellini | Berg | Berlioz | Bizet | Cavalieri | Cavalli | Clerambault | Debussy | Donizetti | Falla | Gluck | Gounod | Granados | Hallstrom | Handel | Hartke | Haydn | Kalman | Leoncavallo | Mascagni | Massenet | Mercadante | Meyerbeer | Monteverdi | Mozart | Pacius | Petitgirard | Portugal | Puccini | Purcell | Rachmaninov | Rossini | Sacchini | Strauss Johann II | Verdi | Wagner Richard | Wagner Siegfried | Walton | Weber
 
Rossini
La Pietra del Paragone
English
Synopsis
Title Page
Italian
Act I
Act II

ATTO SECONDO

Cortile interno, come nell’atto primo.
 
Scena prima
La Baronessa, Donna Fulvia e coro d’ospiti del Conte; quindi Macrobio e il Conte da una parte; il Cavalier Giocondo e Pacuvio dall’altra.
 
Introduzione dell’Atto Secondo
 
Coro
Lo stranier con le pive nel sacco
per vergogna è partito in gran fretta.
 
Baronessa e Fulvia
Per su colpa ho sofferto uno smacco,
ma farò la mia giusta vendetta:
forse al Conte, a Clarice, a Giocondo
questo fatto avrà molto a costar.
 
Coro
Via, che serve? son cose del mondo:
non sarebbe che un farsi burlar.
 
Macrobio
(al Conte in atto di scusa)
Io del credito in sostanza
già vedea l’incompetenza:
né parlai per insolenza,
ma per voglia di scherzar.
 
Conte
(a Macrobio sorridendo, e in aria di disprezzo)
Io già so per vecchia usanza
coltivar l’indifferenza:
ogni scusa in conseguenza
voi potete risparmiar.
 
Pacuvio
(a Giocondo, scusandosi)
Fu poetica licenza,
non lo feci per baldanza:
in drammatica sembianza
mi parea di recitar.
 
Giocondo
(con sommo disprezzo)
Fu solenne impertinenza;
ma non merita importanza:
già vi scusa l’ignoranza
senza starne più a parlar.
 
Baronessa e Fulvia
(ciascuna da sé, la Baronessa osservando Macrobio e Donna Fulvia Pacuvio)
(Domandargli perdonanza
e una vera sconvenienza:
questa vil testimonianza
io non posso tollerar.)
 
Coro
(Sotto l’umile apparenza
pieni son di petulanza:
l’uno e l’altro all’occorrenza
tornerebbe a motteggiar.)
(il coro si ritira)
 
Recitativo
Giocondo
(Al Conte, sorridendo)
Eppur ciascun di loro alla sua dama avea promesso di sfidarci.
 
Conte
E invece si son scusati.
 
Giocondo
Oh che vigliacchi!
 
Baronessa
(a Macrobio)
Oh bella! vuoi cimentarlo, e gli domandi scusa?
 
Macrobio
(alla Baronessa)
Certo.
 
Baronessa
Fra noi non s’usa...
(Frattanto il Cavalier Giocondo e il Conte discorrono fra loro.)
 
Macrobio
È una moda novissima,
venuta dal Catai, che quanto prima
pubblicherò sul mio giornale.
 
Pacuvio
(a Donna Fulvia)
In somma, lo volete saper? la scusa è finta:
il duello seguì: la vita in dono
mi domandò con le ginocchia a terra.
 
Fulvia
(a Pacuvio con sorpresa)
Chi?
 
Pacuvio
Giocondo; ma zitto.
 
Fulvia
(a voce alta in atto di volerlo palesare)
Anzi...
 
Pacuvio
(a Donna Fulvia opponendosi)
No; zitto: giacché per suo decoro
di non farne parola ei m’ha pregato:
ed io gliel’ho promesso, anzi giurato.
 
Giocondo
(al Conte osservando gli uni e gli altri)
Gran contrasto han fra loro.
 
Conte
(a Giocondo)
Io co’ buffoni mi diverto.
 
Giocondo
Io m’annoio.
 
Baronessa
(a Macrobio)
Ebben?..
 
Macrobio
(alla Baronessa)
Senz’altro la disfida io farò.
 
Pacuvio
(a Donna Fulvia)
L’avrei potuto come un tordo infilzar;
ma troppo io sono tenero per natura e sensuale.
 
Fulvia
(a Pacuvio)
S’è così, son contenta.
 
Pacuvio
È tale e quale.
 
Conte
Nel vicin bosco, amici,
a divertirci andiamo.
 
Macrobio
Il moto giova
all’appetito.
 
Giocondo
I cacciatori, io credo,
partiranno a momenti.
 
Conte
(ad un domestico che parte subito)
Ehi, vanne tosto la Marchesina ad avvertir.
Se poi volesse alcun di voi
dar prova di bravura,
prenda il fucil.
 
Pacuvio
(parte in fretta)
Voglio provarmi.
 
Fulvia
In casa per alcune faccende io resterò.
 
Conte
Come vi aggrada. Andiamo.
(parte col Cavalier Giocondo)
 
 
Scena seconda
Macrobio e la Baronessa in atto di partire, a Donna Fulvia che la trattiene.
 
Fulvia
Baronessa, ascoltate.
(parlandole all’orecchio)
 
Baronessa
Possibile?
 
Fulvia
(partendo con brio)
Senz’altro. Addio.
 
Baronessa
(a Macrobio)
Che intesi per vostro e mio rossor!
Già Donna Fulvia è vendicata, ed io...
 
Macrobio
Che dite?
 
Baronessa
Or sappi,
che vinto il Cavalier la vita in dono
da Pacuvio impetrò.
 
Macrobio
Bu, bu... che bomba!
 
Baronessa
Pacuvio il disse.
 
Macrobio
E quando mai Pacuvio
disse una verità?
 
Baronessa
Pretesti a parte.
 
Macrobio
Io pretesti? stupisco.
 
Baronessa
O sfida il Conte, o non sperar ch’io più ti guardi
in faccia. L’esige l’onor mio.
 
Macrobio
Dopo la caccia.
(partono)
 
 
Scena terza
Pacuvio col fucile, e coro di cacciatori.
 
Coro di Cacciatori
 
Coro
(a Pacuvio)
A caccia, o mio signore,
poeta eccellentissimo:
se siete cacciatore,
tirate, e si vedrà.
(Pacuvio appoggia sgarbatamente il fucile ora alla spalla sinistra, ora alla destra.)
Ma bravo!.. anzi bravissimo!
(ironicamente)
Gran preda si farà.
Gli uccelli andranno al diavolo
in piena sanità.
(il coro parte)
 
Temporale
 
Pacuvio
(Si ascolta qualche strepito di vento, foriero del temporale.)
Ahi! chi si muove?.. io non vorrei... ma questo
par che un bosco non sia da bestie indomite.
(Mentre il vento va crescendo appoco appoco, ed oscurandosi lentamente il bosco, risuonano da lontano alcuni colpi di fucile, e successivamente compariscono diversi uccellacci coll’ale aperte. Pacuvio mira or all’uno, or all’altro senza mai sparare: si accorge poi che non ha montato il fucile; nell’atto che lo monta, gli uccelli spariscono, a riserva d’uno, contro cui egli si dirige senza mai effettuare il colpo. Finalmente, correndogli dietro e tirandogli il cappello, si perde di vista.)
(Scoppia il temporale; si oscura totalmente il bosco, agitato dal vento e illuminato dai frequenti lampi. Comparisce di bel nuovo Pacuvio spaventato, stringendosi al petto e coprendo per quanto può alcuni fogli.)
 
Pacuvio
Ah!.. scappa... il vento in aria
m’ha portato il fucile... aiuto!..
I scritti miei... soccorso!
Ove salvar me stesso!…
Scappa… scappa…
(fugge incerto e sbalordito, e al temporale succede intanto gradatamente la calma)
 
 
Scena quarta
Giocondo solo.
 
Scena ed Aria
 
Giocondo
Oh come il fosco impetuoso nembo
ci separò!.. Clarice, il Conte invano
chiamai sovente, e più l’altrui mi calse,
che il mio periglio... Or tutto è calma, e solo
regna nel petto mio tempesta eterna.
La mia tiranna io mi figuro in braccio
all’amico rival... sparse le chiome...
Pallida... ansante... e lui veder mi sembra,
che al sen la stringe... la conforta... e pasce
l’avido ciglio in quella,
fatta dal pianto e dal timor più bella.
 
Quell’alme pupille
io serbo nel seno:
ma un guardo sereno
non hanno per me.
Deh! Amor, se merita
da te mercede
la sempre candida
mia lunga fede,
fa’ ch’io dimentichi
sì gran beltà.
Tu fosti origine
del mio dolor:
tu l’opra barbara
correggi, Amor.
(in atto di partire)
 
 
Scena quinta
La Marchesa Clarice e detto; indi Macrobio, il Conte e la Baronessa.
 
Recitativo
Clarice
(chiamandolo)
Ehi... Giocondo... Giocondo...
 
Giocondo
(con sorpresa)
Oh!… sola? e dove lasciaste il Conte?
 
Clarice
Non sì tosto il cielo
tornò seren, ch’ei s’inoltrò nel bosco
con alcuni de’ suoi, di due villani
lasciando a me la scorta: io nel vedervi
li congedai.
(alludendo al temporale)
Ma che paura!
 
Giocondo
(con qualche caricatura)
Il Conte l’avrà temprata. Io sì, Clarice, io privo
d’ogni conforto, l’Austro frema, o spiri
il Zefiro soave...
 
Clarice
E torni sempre
te stesso a tormentar, né puoi scordarti?..
 
Giocondo
(interrompendola con trasporto)
Io scordarmi di te?
 
Clarice
Se pace brami...
 
Giocondo
(egualmente)
Io pace? eh come? a farmi guerra eterna
tre nemici ho nel sen: la tua fortuna,
l’amor mio, l’amistà; quella involarti,
questa tradir non lice; e Amor frattanto
pretende invan della vittoria il vanto.
 
Clarice
Alla fortuna rinunziar non fora
per generoso cor difficil opra:
ma rinunziar, Giocondo,
tu all’amistà non devi,
io non posso all’amor.
 
Quintetto
 
Clarice
Spera se vuoi, ma taci:
io ti prometto amore;
seppur da’ lacci il core
un giorno io scioglierò.
(Intanto comparisce Macrobio e chiama il Conte ch’egli vede da lontano. Da un’altra parte sovraggiunge la Baronessa.)
 
Giocondo
Ai dolci accenti tuoi
dove mi sia, non so.
 
Baronessa
(ad alta voce accennando Clarice e Giocondo)
Macro...
 
Macrobio
Ma zitto... (bestia!)
(al Conte per canzonarlo)
Dite? colei che fa?
(ironicamente e con enfasi)
La prima fra le vedove,
che vanti fedeltà.
 
Conte
(alla Baronessa ed a Macrobio senza manifestarsi agli altri due)
Bravissimi! bravissimi!
Femmina è sempre femmina:
Amoreggiar lasciamoli
con tutta libertà.
 
Baronessa
(a Macrobio)
(L’affar diventa serio:
ci ho gusto in verità.)
 
Giocondo
(a Clarice)
Mi promettete amore?
 
Macrobio
(al Conte sempre nella medesima aria)
Amore!
 
Conte
Poverino!
 
Clarice
(a Giocondo)
Consulterò il mio core.
 
Macrobio
Il core!
 
Conte
(mostrando disinvoltura)
Va benino.
Che faccia quel che vuole:
le donne io so pesar.
(Comparisce in distanza il coro de’ cacciatori.)
 
Macrobio
Il capo assai gli duole,
e nol vorria mostrar.
 
Giocondo
(a Clarice)
Per me comincia il sole
quest’oggi a scintillar.
 
Clarice
(a Giocondo)
Son semplici parole
per farti almen sperar.
 
Baronessa
Ma queste non son fole,
son fatti da notar.
 
Conte
(a Clarice con forza, avanzandosi e scoprendosi)
Donna di sensi equivoci,
piena d’astuzie e cabale,
ch’io sono a torto incredulo
potrai lagnarti ancor?
 
Clarice, Baronessa, Giocondo e Macrobio
(la Baronessa, Macrobio e il Conte alludendo agli altri due, e questi a se stessi)
Qual d’improvviso fulmine
insolito fragor!
 
 
Scena sesta
Coro di cacciatori che si avanzano, e detti.
 
Coro
In mezzo al temporale
la caccia è andata male:
(accennando Clarice e Giocondo mortificati)
Ma il Conte a due merlotti
qui poi la caccia diè.
 
Macrobio
Il fatto sul giornale
io stampo per mia fé.
 
Clarice
(ai cacciatori)
Come? qual mai favella?
Che insulto a me voi fate?
 
Coro
(a Clarice)
Prima eravate in sella,
or vi trovate appiè.
 
Clarice, Baronessa, Conte, Giocondo e Macrobio
Men tremendo che tempesta
questo colpo a me non par.
Sin le chiome sulla testa
io mi sento a sollevar.
 
Clarice, Baronessa, Conte, Giocondo, Macrobio e Coro
Così allor che all’onde in faccia
freme il vento e il fulmin romba,
strana tema i sensi agghiaccia
dell’intrepido nocchier.
(tutti partono in confusione)
 
 
Scena settima
Donna Fulvia e Fabrizio, indi Pacuvio affannato.
 
Recitativo
Pacuvio
Ah! Donna Fulvia, se non era il tempo, avrei fatta una strage di salvaggiume:
(mettendo fuori di tasca un picciolissimo uccello morto)
Altro perciò non posso esibirvi che questo picciolo segno della mia bravura.
 
Fulvia
(voltandogli le spalle e partendo)
Non so che farne.
 
Pacuvio
(È morto di paura.)
(partendo anch’esso)
 
 
Scena ottava
Il Conte Asdrubale e il Cavalier Giocondo.
 
Conte
Di quanto poco fa Clarice e voi a me diceste,
io sono persuaso abbastanza.
 
Giocondo
Ella è innocente: né reo son io che di leggiera colpa, se può colpa chiamarsi...
 
Conte
Il vostro affetto per lei m’era già noto,
e la vostra virtù.
 
Giocondo
Ma quando mai risolverete?
 
Conte
Il matrimonio è un passo, è un passo grande!
 
Giocondo
E non vi basta ancora...
 
Conte
Risolverò: per ora pensiamo a divertirci con Macrobio, che sfidarmi dovea.
 
Giocondo
Come vi piace.
 
Conte
Andiam.
 
Giocondo
Che strana idea!
(entrambi in atto di partire)
 
 
Scena nona
La Marchesa Clarice tutt’allegra con una lettera dissigillata in mano, e detti.
 
Clarice
(ansante per la gioia)
Amici, oh! qual d’una sorella al cuore soave annunzio inaspettato! Udite: Il Capitan Lucindo,
il mio caro Lucindo, il mio gemello...
 
Conte
(in aria di scherzo)
Dagli Elisi tornò?
 
Clarice
Quegli ch’estinto da ciascun si credea, vive;
e son questi dopo sett’anni di silenzio i suoi
preziosi caratteri.
(sorpresa degli altri due)
(Perdona, ombra del mio german, se all’uopo
io chiamo de’ miei disegni il nome tuo.) […]
Breve in Italia’, ei scrive, sarà la mia dimora;
né voglio abbandonar la compagnia.
 
Conte
Qui la conduca, e quanto vuol ci stia.
 
Clarice
Quest’è troppo.
 
Conte
Che troppo? i militari io sempre amai.
 
Clarice
Le vostre grazie in voce dunque ad offrirgli andrò.
 
Conte
Se ricusasse, mi farebbe un affronto.
 
Clarice
Già previsto io l’avea; tutto è già pronto.
(Tutti e tre in atto di partire s’incontrano im Pacuvio.)
 
 
[Scena decima]
 
 
Scena undicesima
Donna Fulvia e Pacuvio.
 
Pacuvio
(retrocedendo con lei)
Oh! Madama, a proposito: io credea,
che un segreto affidatovi non foste
mai di tradir capace; ora con vostra pace
vi dirò che ho sospetto assai fondato
che l’abbiate per gloria pubblicato.
 
Fulvia
Pubblicato? alla sola Baronessa io l’ho detto
in confidenza e s’ella in confidenza
lo dicesse a Macrobio; e in confidenza...
 
Pacuvio
Macrobio lo stampasse sul giornale,
sarebbe confidenza generale.
 
Fulvia
Certo.
 
Pacuvio
(smaniandosi)
Povero me! la mia parola...
(Vale a dir la mia pelle.)
l’amicizia, il decoro...
 
Fulvia
Eh, bagattelle.
 
Aria
Pubblico fu l’oltraggio
sia pubblica la pena,
chi m’insultò, più saggio
in avvenir sarà.
Ch’io castigai l’altero,
sia noto al mondo intero:
È la vendetta un sogno
quando nessun lo sa.
(partono)
 
 
Scena dodicesima
Macrobio, indi il Cavalier Giocondo, poi il Conte e due domestici, ciascuno de’ quali porta una spada sopra un bacile.
 
Recitativo
Giocondo
(in aria fiera)
Macrobio.
 
Macrobio
Signor.
 
Giocondo
(gli dà la pistola)
Prendi.
 
Macrobio
(incomincia a sgomentarsi)
Obbligato.
 
Coro
Che n’ho da far?
 
Giocondo
Sopra di me spararla quando ti toccherà, come io
quest’altra sopra te sparerò.
(mostrandogli un’altra pistola)
 
Macrobio
(Lupus in fabula.) Ma non veggo il perché...
 
Giocondo
Perché hai tu sparso
che a Pacuvio io cercai la vita in dono.
 
Macrobio
L’ho detto senza crederlo.
 
Giocondo
Peggio! Su via...
 
Macrobio
Se vi calmate, io sempre
dirò bene di voi sul mio giornale.
 
Giocondo
Potentissimi Dei! sarebbe questa
una ragion più forte
per ammazzarti subito. Alle corte.
Conte
Olà, Macrobio, giacché tu di sfidarmi
non hai coraggio, io te disfido.
 
Giocondo
(a Macrobio fingendo meraviglia)
Come? Dunque...
 
Macrobio
(sommamente imbarazzato)
Dirò...
 
Giocondo
Conte, scusate; il primo son io.
 
Conte
Non cedo: ad ogni costo ei deve battersi meco.
 
Giocondo
A’ miei diritti invano, ch’io rinunzi, sperate.
 
Macrobio
(Oh bella! a gara fanno per ammazzarmi.)
(al Conte)
Una parola...
 
Conte
(voltandogli le spalle)
Io non desisto.
 
Macrobio
(a Giocondo)
Udite...
 
Giocondo
(egualmente)
Non serve.
 
Macrobio
Io comporrò la vostra lite.
 
Terzetto
 
Prima fra voi coll’armi
il punto sia deciso:
(volendo mandare la cosa in celia)
Con quel che resta ucciso,
in poi mi batterò.
 
Giocondo
(al Conte accennando Macrobio)
Quando quel cor malnato
dal sen gli avrò diviso,
 
Conte
(a Giocondo accennando Macrobio)
Quando l’avrò mandato
a passeggiar l’Eliso,
 
Conte e Giocondo
Fra noi vedrem se ucciso
a torto io l’abbia o no.
 
Conte
(risoluto a Macrobio)
Andiam.
 
Macrobio
(a Giocondo per ischermirsi dell’altro)
Voi che ne dite?
 
Giocondo
(risoluto a Macrobio)
Su via.
 
Macrobio
(al Conte come sopra)
Voi lo soffrite?
 
Conte
(prendendolo per un braccio)
Orsù...
 
Macrobio
(al Conte accennando Giocondo)
Quest’altro freme.
 
Giocondo
(prendendolo egualmente per un braccio)
Non più...
 
Macrobio
(a Giocondo accennando il Conte)
Quest’altro grida.
 
Conte e Giocondo
(l’uno all’altro dopo avere alquanto pensato)
Ebben; l’acciar decida
chi primo ha da pugnar.
 
Macrobio
(tirandosi da parte)
(Comincia a respirar.)
(Ad un cenno del Conte si avanzano i due domestici, uno verso il Conte medesimo, l’altro verso Giocondo, presentando loro le rispettive spade.)
 
Conte e Giocondo
(con le spade medesime)
Ecco i soliti saluti.
(facendosi dei segnali d’intelligenza fra loro)
(Del duello inaspettato
si consola il maledetto;
e non sa che per diletto
lo faremo ancor tremar.)
 
Macrobio
(Son quei ferri molto acuti;
far potriano un bell’effetto;
sol due colpi in mezzo al petto,
e finisco di tremar.)
 
Conte
Con permesso...
(dopo essersi messi in positura, ed incrocicchiate le spade il Conte volge la punta a terra)
 
Giocondo
(egualmente)
Io fo lo stesso...
 
Macrobio
(titubante)
Che vuol dir? che nuova c’è?
 
Conte
Il padrone della casa
ceder deve al forestiero:
(a Giocondo accennando Macrobio)
e con lui pugnar primiero
tocca a voi, non tocca a me.
 
Macrobio
Non è vero, non è vero;
io protesto, per mia fé.
 
Giocondo
Quest’è vero, quest’è vero;
senza dubbio tocca a me.
 
Macrobio
(al Conte in aria supplichevole)
Ma che un mezzo non vi sia
d’aggiustar questa faccenda?
 
Conte
(fingendo di pensare)
Per esempio... si potria...
 
Giocondo
(invitando Macrobio)
Presto, a noi; chi più pensar?
 
Macrobio
(a Giocondo)
Via, lasciatelo pensar.
 
Conte
(al medesimo)
Quando il forte a noi si arrenda,
si potria capitolar.
 
Giocondo
(fingendo di rifletterci)
Capitolar?
 
Macrobio
(applaudendo al Conte con sommo trasporto)
Bravissimo!
 
Giocondo
Per me son contentissimo!
d’usar facilità.
 
Conte
In termino brevissimo
l’affar si aggiusterà.
 
 
Macrobio
Ripiego arcibellissimo!
Di meglio non si dà.
 
Conte
(a Giocondo accennando Macrobio)
Per prima condizione
fissiam ch’egli è un poltrone.
 
Macrobio
Si accorda.
 
Giocondo
Un uom venale.
 
Macrobio
Si accorda; non c’è male.
 
Conte
Un cicisbèo ridicolo.
 
Macrobio
Si accorda il terzo articolo.
 
Giocondo
Il fior degli ignoranti.
 
Macrobio
Adagio.
 
Conte
(con forza)
Avanti.
 
Giocondo
Avanti.
 
Macrobio
Distinguo: in versi, o in prosa?
 
Conte e Giocondo
S’intende in ogni cosa.
 
Macrobio
Eppur...
 
Conte e Giocondo
(minacciando)
Che dir vorresti?
 
Macrobio
Che articoli sì onesti
non posso ricusar.
 
Conte e Giocondo
Gli articoli son questi;
non v’è da replicar.
(Il Conte e Giocondo rendono le spade ai rispettivi domestici.)
 
Conte, Giocondo e Macrobio
Fra tante disfide
la piazza è già resa.
Giammai non si vide
più nobile impresa:
D’accordo noi siamo;
cantiamo, balliamo:
la gioia sul viso
ritorni a brillar.
(partono)
 
Interno del villaggio; abitazioni diverse, e fra le altre quelle del Conte con porta praticabile. Veduta della campagna. Da un lato piccola eminenza.
 
 
Scena tredicesima
Pacuvio dalla casa del Conte; poi Donna Fulvia; indi la Baronessa e Macrobio.
 
Recitativo
Fulvia
Menzognero, impostor! darmi ad intendere?..
(Pacuvio intanto si va guardando intorno, come se cercasse qualcuno)
Che cerchi?
 
Pacuvio
Con chi parla?
 
Fulvia
Con te.
 
Pacuvio
Con me? sa chi son io?
 
Fulvia
Pacuvio.
 
Pacuvio
Pacuvio menzogner? Giove mi scortichi
se una sola bugia ho detto in vita mia.
 
Macrobio
(aggirandosi per la scena, ed asciugandosi il sudore, come se ritornasse da una grand’impresa)
No, Baronessa, non son ferito. Oh se veduto aveste!
 
Baronessa
Dite, su.
 
 
Scena quattordicesima
Fabrizio, che discende da un’eminenza, e detti. Diversi abitanti del villaggio s’incamminano verso la campagna in aria di curiosità.
 
Fabrizio
Eccolo.
 
Fulvia
Chi?
 
Fabrizio
Lucindo.
 
Baronessa
Il Capitano?
 
Pacuvio
Il gemello germano?…
 
Fabrizio
Sì, della Marchesina.
 
Macrobio
Io volentieri, quantunque militar,
l’avrei veduto nel caso mio.
(Intanto Pacuvio con un foglio spiegato va facendo dei gesti.)
 
Fulvia
Le somiglianze rare fra la sorella e lui
di veder son curiosa.
(Macrobio continua la sua pantomina)
 
Baronessa
Se a lei somiglia non sarà gran cosa. […]
(si ritirano senza partir della scena)
 
 
Scena quindicesima
Detti in disparte; la Marchesa Clarice in abito militare, un tenente, un sergente, due caporali e soldati; Fabrizio di ritorno, abitanti del villaggio e servi del Conte, che restano indietro. Marcia militare.
 
Marcia, Scena ed Aria
 
Clarice
(dopo che la truppa si sarà posta in ordine)
Se l’itale contrade,
che in fanciullesca etade
abbandonai, preme il mio piè; se vidi
il ciel natio; se dell’amata suora
sulle stanche pupille io tersi il pianto,
valorosi compagni, è vostro il vanto.
(ai soldati)
Se per voi le care io torno
patrie sponde a vagheggiar,
grato a voi di sì bel giorno
il mio cor saprò serbar.
 
Coro di soldati
L’esempio, il tuo periglio
a noi servì di sprone;
né bomba, né cannone
potevaci arrestar.
 
Clarice
Viva il desio di gloria,
che all’alme amar non vieta;
ciascun con me ripeta:
Marte trionfi, e Amor.
(Sotto l’intrepida- viril sembianza
sento a risorgere - la mia speranza:
fra i dolci palpiti - s’infiamma il cor.)
 
Coro
Qual volto amabile! - Vivace e nobile!
Che ardir magnanimo - gl’infiamma il cor!)
(Clarice entra col seguito in casa del Conte, accompagnata da Fabrizio e dai domestici del Conte medesimo; gli abitanti del villaggio si disperdono.)
 
 
Scena sedicesima
La Baronessa e Macrobio; Pacuvio e Donna Fulvia, che si avanzano.
 
Recitativo
Baronessa
Che ne dite Macrobio! io non ci trovo questa gran somiglianza.
 
Macrobio
Io son d’avviso, che non v’è differenza
in quanto al viso.
 
Baronessa
Diamine! siete cieco? il Capitano
è assai di lei più bello.
 
Fulvia
(a Pacuvio)
Sembra che non le sia neppur fratello.
 
Baronessa
(Voglio a lui presentarmi prima che torni il Conte.)
(a Macrobio)
Con permesso.
 
Macrobio
Si accomodi.
(la Baronessa entra in casa del Conte)
 
Fulvia
(osservando la Baronessa)
(Ho capito.) Addio, Pacuvio.
 
Pacuvio
Si serva.
 
Fulvia
(Anche a me piace il militare;
nè mi lascio da un’altra soverchiare.)
(entra anch’essa in casa del Conte)
 
 
[Scena diciassettesima]
 
 
Galleria.
 
 
Scena diciottesima
Clarice in abito militare, il Conte Asdrubale e il Cavalier Giocondo.
 
Conte
(in atto di pregare)
Scusate, Capitan...
 
Clarice
(in aspetto fiero)
Tutto m’è noto.
 
Conte
Ch’io sappia almen da lei...
 
Clarice
No, mia sorella più non vedrete.
(a Giocondo)
Cavaliere, a voi la destra io n’offro.
 
Giocondo
Io la ricuso: amico prima che amante, io fui.
 
Clarice
La vostra ammiro non volgare amistà.
Lungi da questi lidi per lei funesti
Clarice io condurrò.
 
Conte
Crudel! se fosse Clarice qui...
se me vedesse... Oh quanto!
 
Clarice
(Resisto appena.)
 
Conte
Oh quanto mai natura sotto eguali sembianze
vi distinse nel cor!
 
Giocondo
Deh! alfin vi basti il pentimento, il suo rossor...
 
Clarice
No.
 
Scena ed Aria
 
Conte
(a Giocondo)
Cessa...
Lasciami, amico, a quel destino in preda,
che a me stesso io formai. Da te Clarice
sappia almen ch’io l’adoro,
che le follie, che il mio rigor condanno,
e che forse per lei morrò d’affanno.
(a Clarice)
Ah! se destarti in seno
per me pietà non senti,
lascia ch’io speri almeno
dall’idol mio pietà.
(a Giocondo)
Caro amico, ah! tu lo vedi...
Ah! di me che mai sarà?
(a Clarice)
Al mio duol se tu non cedi,
mostro sei di crudeltà.
(all’uno e all’altra)
Non vedrò mai più Clarice:
E fia vero?.. oh me infelice!
(a Clarice fissando in lei lo sguardo)
Le sembianze in te ravviso:
il tuo volto in due diviso
m’innamora, e orror mi fa.
Più bramar non so che morte;
altra speme a me non resta:
L’ora estrema, oh Dio! fu questa
della mia felicità.
(parte furiosamente e Giocondo lo segue)
 
 
Scena ultima
La Baronessa, poi Donna Fulvia e detta; finalmente tutti, ciascuno a suo tempo.
 
Recitativo
Fabrizio
(correndo)
Ah! signor Capitan...
 
Clarice
Che cosa è stato?
 
Fabrizio
Leggete, e poi firmatevi:
Lucindo per Clarice sua sorella,
o il padron si dà fuoco alle cervella.
 
Baronessa
Caspita! il caso è serio.
 
Clarice
(Oh me felice! Scrivo il mio nome:
ei stupirà. Clarice.)
 
Fabrizio
Grazie.
 
Baronessa
(a Fulvia)
(Che nuova c’è?)
 
Fulvia
(alla Baronessa)
(Credo che sia carta di matrimonio.)
 
Clarice
A queste dame domando mille scuse.
 
Baronessa
(in aria di galanteria)
Io più di mille ne domando anzi a voi,
se forse troppo importuna vi son.
 
Fulvia
(egualmente)
Volano l’ore in vostra compagnia.
 
Baronessa
Sembrano istanti.
 
Clarice
Siete troppo gentili. (Anzi sguaiate.)
 
Fulvia
Oh grazie.
 
Baronessa
È sua bontà.
 
Clarice
(Quando sapranno quel che so io.)
 
Fabrizio
(al Conte nell’escire)
La Marchesina? Oh bella!
Non l’ho neppur veduta.
 
Conte
(mostrando il foglio che ha in mano)
Ed io ti dico che questo è suo carattere.
 
Pacuvio
(osservando il foglio)
Senz’altro.
 
Conte
Io lo conosco.
 
Giocondo
(facendo lo stesso)
Non v’è dubbio.
 
Macrobio
(a Fabrizio osservando anch’esso)
Hai torto.
 
Fabrizio
Or lo vedremo. Il Capitan Lucindo per me risponda.
 
Clarice
Io parlerò. Fabrizio non ha né torto, né ragion;
mi spiego: Conte, io spero che siate disposto a perdonarmi.
 
Conte
Io sì.
 
Clarice
Ne chieggo la destra in pegno.
 
Conte
Eccola, o caro; io tutto,
or che ottenni Clarice, a voi perdono.
 
Clarice
Lucindo non tornò: Clarice io sono.
(Stupore universale)
 
Finale II
 
Conte e Giocondo
Voi Clarice?
 
Baronessa e Fulvia
Qual inganno!
 
Macrobio e Pacuvio
Qual sorpresa!
 
Fabrizio e Coro
Qual portento!
 
Tutti
Questo nobile ardimento
chi poteva immaginar?
 
Clarice
Trasformando al fin me stessa
aguzzai d’amor lo strale:
la sorpresa universale
mi fa l’alma in sen brillar.
 
Baronessa e Fulvia
Che improvviso temporale!
Ci avrei fatta una scommessa:
Ah! pur troppo è dessa, è dessa,
e ci seppe corbellar.
 
Pacuvio
Donna Fulvia...
 
Macrobio
Baronessa...
 
Macrobio e Pacuvio
È venuto il temporale.
Si è smorzato il mio fanale,
cesso alfin di smoccolar.
 
Conte e Giocondo
Da stupor, da gioia eguale
non fu mai quest’alma oppressa:
ma la gioia omai prevale;
già non so che giubilar.
 
Fabrizio e Coro
(verso il Conte)
Or la gioia in lui prevale;
e non sa che giubilar.
 
Conte
(a Clarice)
Cara, perdon ti chiedo.
 
Clarice
(al Conte)
Perdon ti chiedo anch’io.
 
Giocondo
(con brio a Clarice e al Conte)
Ragion per me non vedo
di starsi a supplicar.
 
Conte
(a Giocondo)
Quanto vi deggio, amico!
 
Giocondo
Lo stesso ancor vi dico:
lasciamo i complimenti.
 
Macrobio e Pacuvio
Piuttosto andiamo a pranzo:
pria che la lingua, i denti
bisogna esercitar.
 
Macrobio, Pacuvio e Giocondo
E sopra l’altre cose
con pompa ed allegria
le nozze portentose
si pensi a festeggiar.
 
 
Baronessa e Fulvia
(la Baronessa a Macrobio, Donna Fulvia a Pacuvio)
Veder chi si marita,
e starli a contemplar...
 
Macrobio e Pacuvio
(interrompendole)
Madama, l’ho capita:
son grato al vostro affetto;
ma per parlarvi schietto,
ci voglio un po’ pensar.
 
Conte
Finor di stima io fui
verso le donne avaro:
da questo giorno imparo
le donne a rispettar.
 
Clarice, Macrobio, Giocondo e Conte, indi Tutti
Il cor di giubilo
brillar mi sento:
non so reprimere
quel sentimento,
che in petto l’anima
mi fa balzar.
 

 


Famous Composers Quick Link:
Bach | Beethoven | Chopin | Dowland | Handel | Haydn | Mozart | Glazunov | Schumann | R Strauss | Vivaldi
8:39:34 PM, 25 July 2014
All Naxos Historical, Naxos Classical Archives, Naxos Jazz, Folk and Rock Legends and Naxos Nostalgia titles are not available in the United States and some titles may not be available in Australia and Singapore because these countries have copyright laws that provide or may provide for terms of protection for sound recordings that differ from the rest of the world.
Copyright © 2014 Naxos Digital Services Ltd. All rights reserved.     Terms of Use     Privacy Policy
-208-
Classical Music Home
NOTICE: This site was unavailable for several hours on Saturday, June 25th 2011 due to some unexpected but essential maintenance work. We apologize for any inconvenience.