Classical Music Home

The World's Leading Classical Music Group

Email Password  
Not a subscriber yet?
Keyword Search
in
 
  Classical Music Home > Opera Libretti

Opera Libretti




Beethoven | Bellini | Berg | Berlioz | Bizet | Cavalieri | Cavalli | Clerambault | Debussy | Donizetti | Falla | Gluck | Gounod | Granados | Hallstrom | Handel | Hartke | Haydn | Kalman | Leoncavallo | Mascagni | Massenet | Mercadante | Meyerbeer | Monteverdi | Mozart | Pacius | Petitgirard | Portugal | Puccini | Purcell | Rachmaninov | Rossini | Sacchini | Strauss Johann II | Verdi | Wagner Richard | Wagner Siegfried | Walton | Weber
 
Rossini
Lequivoco Stravagante
English
Synopsis
Title Page
Italian
Act 1
Act 2

          
          

ATTO SECONDO

          
         Camera.
         Scena prima
         Frontino e contadini.
          
         N. 11 Introduzione       
         Coro
         Perché sossopra, diteci un po’,
         Nel bel dell’opra l’affare andò?
         Lo sposo strepita; la signorina
         Minaccia e fulmina rumor, rovina.
         Se il matrimonio così principia
         Chi sa qual termine aver potrà?
          
         Frontino
         Carini miei, la gelosia
         Per simpatia tai così fa.
          
         Coro
         Eppur dicevano tal malattia
         Ch’ebbe l’esilio dalla città.
          
         Frontino
         Vero verissimo ma qualche volta
         La gente stolta sorprender fa.
          
         Coro
         Dice benissimo, ci ha presto sciolta
         La nostra solita curiosità.
         (Partono i contadini.)
          
          
         Scena seconda
         Rosalia e Frontino.
          
         Recitativo        
         Frontino
         Il progetto eseguiscasi,
         Che meditando sto.
          
         Rosalia
         Frontino? Ebbene,
         Che si pensa? Il padrone
         Scacciò di casa Ermanno,
         Il tuo raccomandato; e te ne stai
         Qui colle mani in tasca, e nulla fai?
          
         Frontino
         Queste contrarietà metton più al punto
         La nostra abilità: vedrai fra poco
         Rompersi il matrimonio,
         Partir lo sposo, ed altre cose belle.
          
         Rosalia
         Capace sei di tante bagatelle?
          
         Frontino
         Vedi qui questa lettera?
         (cavandola di tasca)
         Questa tutto farà.
          
         Rosalia
         Come? curiosa
         Sono di saper la cosa.
          
         Frontino
         No: la vedrai col fatto.
          
         Rosalia
         Negar non so che tu non sia gran matto.
          
         N. 12 Aria        
         Frontino
         Vedrai fra poco nascere
         Scompigli e precipizi;
         Vedrai se questa lettera
         Lo sposo partir fa.
          
         C’è dentro un certo equivoco,
         Un certo che di tragico,
         Che può produrre nell’anima
         D’un uom piuttosto semplice
         Un dubbio che incredibile
         Per tutti ognor sarà.
          
         Recitativo        
         (vedendo a venir Buralicchio)
         Ei vien da quella parte: eccoci, il fosso
         Si cominci a scavar. Vedrai l’effetto
         Se fia nuovo e stupendo.
         (getta in terra la lettera)
          
         Rosalia
         Che diamine ingarbugli io non comprendo.
          
         (Rosalia parte, e Frontino si mette in disparte dietro una porta.)
          
          
         Scena terza
         Buralicchio e Frontino da parte.
          
         Buralicchio
         Oh! posso dire alfine
         Che ho una moglie intera al mio comando.
         Il cacciar via di casa quel maestro
         Era una cosa troppo necessaria:
         Or la mia proprietà sarà plenaria.
         Ma una lettera è qui...
         (avvedendosi della lettera la prende)
         Sarà cascata
         A qualcuno di casa.
          
         Frontino
         (correndo affannato)
         Oimè!.. Oimè!.. Signore,
         Dite: avreste trovata
         Per avventura in terra qualche lettera?
          
         Buralicchio
         Perché stai sì convulso? eccola.
          
         Frontino
         Oh stelle!
         Datela per pietà... racchiuder deve
         Un affar d’importanza.
          
         Buralicchio
         Che cosa è mai? mi metti in convulsione.
         L’aprirò, cospettone.
          
         Frontino
         Ah no, non fate!
         È diretta al padrone.
          
         Buralicchio
         Cosa m’importa.
         Fra suocero e fra genero
         Non vi sono segreti.
          
         Frontino
         Tutto è scoperto.
          
         Buralicchio
         Cosa?
         (leggendo) ‘Amico Gambero...’
          
         Frontino
         Gamberotto dirà.
          
         Buralicchio
         ‘Giunge in coteste
         Parti di minotauri...’
          
         Frontino
         Di militari.
          
         Buralicchio
         ‘Una colonna nobile...’
          
         Frontino
         Mobile.
          
          
         Buralicchio
         ‘Per sorprender
         qualunque sia deserto...’
          
         Frontino
         Disertore.
          
         Buralicchio
         ‘Io ve lo avverto
         Acciò mettiate in salsa...’
          
         Frontino
         In salvo.
          
         Buralicchio
         ‘Il vostro caro figlio Ernesto
         Che da donna vestito
         Finor sì bene avete custodito.’
         Come? che sento! parla...
          
         Frontino
         Ma...
          
         Buralicchio
         Su via,
         Di tacer ti prometto.
          
         Frontino
         Il mio padrone
         Sapete che in Abruzzo nacque.
          
         Buralicchio
         Il so.
          
         Frontino
         Ove il fiero costume
         Regnava anticamente
         Di mutilare i teneri bambini
         Per farli poi (oh desiderio strano!)
         Da contralto cantar, o da soprano.
          
         Buralicchio
         Avanti.
          
         Frontino
         Gamberotto, uom miserabile
         Com’era allora, Ernesto sottopose
         A quella operazione;
         Ma poi pensier cangiò,
         Né più al teatro il figlio destinò.
          
         Buralicchio
         Pezzo di birbantaccio!
         Vuole darmi per moglie un castrataccio!
         Segui pur.
          
         Frontino
         In appresso il fe’ soldato.
         Poi, ricco essendo, il fece
         Dal corpo disertar, e sotto il nome
         D’Ernestina, qual donna
         Lasciò questi i calzon, prese la gonna.
          
         Buralicchio
         Vo’ mandare il tutto a foco, a sacco.
          
         Frontino
         Ahimè!.. ma la promessa
         Che di tacer mi deste?
          
         Buralicchio
         Dunque...
          
         Frontino
         Parmi
         Che meglio sia d’abbandonarla a un tratto
         E non dir nulla. Ah! resterà di stucco.
          
         Buralicchio
         Va’ via.
          
         Frontino
         (Se l’ha bevuta il mamalucco.)
         (parte)
          
         Buralicchio
         Corpo di Belzebù! se di sposarla
         Avea la voglia pazza
         Facevo in verità la brutta razza.
         (per partire, vede giungere Ernestina)
          
          
         Scena quarta
         Ernestina e detto.
          
         Buralicchio
         (Eccolo qui l’eunuco.)
          
         Ernestina
         Mia metà, ti perdono
         Le scorse offese, e giacché Tito a un tempo
         Ebbe di grande e di clemente il nome
         Ernestina il suo esempio adesso imita:
         Abbia ancor l’età nostra la sua Tita.
          
         Buralicchio
         (Ora lo prendo a schiaffi.)
          
         Ernestina
         (tenera)
         Ma il ciglio volgi altrove,
         Del mio tenero amor prefissa meta.
          
         Buralicchio
         Scusi, quest’oggi voglio far dieta.
          
         Ernestina
         Ti accosta qua:
         Di mia sincera fé tenero pegno.
          
         Buralicchio
         Che dar ne puoi, se un pezzo sei di legno?
          
         Ernestina
         Ti vo’ cantare un’ariettina tenera.
          
         Buralicchio
         Per questo poi lo credo, e ci scommetto:
         Puoi cantarmi al più al più qualche mottetto.
         (Mi burla l’assassino...)
          
         Ernestina
         Ed orba ancora
         De’ tuoi vezzi mi fai?
         Caro, t’accosta a me: dimmi, cos’hai?
          
         N. 13 Duetto    
         Vieni pur, a me t’accosta,
         Qual condotta è questa nuova?
         Darti vo’ novella prova
         Della mia sincerità.
          
         Buralicchio
         Più lo guardo, più l’osservo,
         Più l’eunuco in lui ravviso;
         Femminin non è quel viso
         Ha un tantin d’umanità.
          
         Ernestina
         Se non vieni verrò io...
          
         Buralicchio
         Non s’accosti al fianco mio!
          
         Ernestina
         Vorrei dirti: amato bene...
          
         Buralicchio
         Deh, risparmi le sue pene.
          
         Ernestina
         E perché? Saper si può?
          
         Buralicchio
         Perché... Perché... Te lo dirò.
          
         Perché se fossi mia
         Grande saria l’imbroglio,
         Perché pavento un scoglio
         Entrando in alto mar.
          
         Ernestina
         Frenetico delirio
         D’un pensator pigmeo
         Che vuol da cicisbeo
         Catone diventar.
          
         Buralicchio
         Che pezzo magistrale!
          
         Ernestina
         Che pezzo d’animale!
          
         Buralicchio
         Guardate che bel viso!
          
         Ernestina
         Ecco il pastor d’Anfriso.
          
         Buralicchio
         Mi burli?
          
         Ernestina
         Mi deridi?
         Se mi rammento d’esser villana,
         T’aggiusto il viso ma come va.
          
         Buralicchio
         Se per un uomo io ti ravviso
         T’aggiusto il viso ma come va.
          
         Ernestina e Buralicchio
         Se non parti ti scapiglio
         Se non parti ti scompiglio
         Faccio proprio un parapiglio
         Su quel grugno ti dò un pugno
         E t’aggiusto come va.
         (Ernestina parte)
          
          
         Recitativo        
         Scena quinta
         Buralicchio solo.
          
         Buralicchio
         Che briccone! al vederlo
         Sembra proprio una donna tale e quale.
         Ma voglio vendicarmi.
         Corro dal comandante
         Della colonna mobile
         Che qui alloggiato sta,
         E lo vo’ accomodar come che va.
         Di desertor si tratta.
         Lo condurran fra poco in casa matta.
         (parte)
          
          
         Scena sesta
         Ermanno e Gamberotto.
          
         Ermanno
         Ma signore, il cacciarmi
         Di casa in questa guisa
         Fa troppo disappunto al mio decoro
         E a quel di vostra figlia.
          
         Gamberotto
         Ma da me che volete, se lo sposo
         È per la gelosia tanto geloso?
         Concertatevi seco, e se vi accorda
         Il passaporto, io non mi oppongo un zero.
          
         Ermanno
         Possibile non è, né io lo spero.
          
         Gamberotto
         Già so che tutto il male
         Consiste in voi nel perder la pensione.
         Via vi vo’ contentar: voglio il salario
         Pagarvi d’una settimana intera.
         Ecco due paoli e mezzo, e andate via.
         Dal dono impara il donator qual sia.
          
         Ermanno
         Questo è un avvilimento.
          
         Gamberotto
         Quando mia figlia poi sarà sposata,
         Se volete rientrarvi nel servizio
         Siete sempre il padrone:
         Pagherovvi tre soldi ogni lezione.
         (parte)
          
          
         Scena settima
         Ermanno solo.
          
         N. 14 Recitativo e Aria           
         Ermanno
         E mi lascia così? Son disperato!
         La ragion mi vacilla!
         Ecco perduto tutto
         Di tante cure il desiato frutto.
         Restar?.. non mi convien. Partir?.. mel vieta
         Quel l’ardor che mi accende.
         Del mio crudele affanno
         Quando sazio sarai, destin tiranno?
          
         Sento da mille furie
         Tutta agitarmi l’anima!
         Cosa dovrà risolvere
         Questo mio cor non sa.
          
         Del mio rival felice
         I giorni troncherei.
         Ma la ragion mi dice
         Che colpa, oh dio! non ha.
          
         Qual gel soffr’io, qual palpito!
         Quai veggio orrende larve!
         Come in un tratto sparve
         La mia felicità.
         (parte)
          
          
         Scena ottava
         Ernestina e Rosalia escono dalla parte opposta a quella per ov’è partito Ermanno, di Ermanno.
          
         Recitativo        
         Ernestina
         Miralo, Rosalia, ei fugge: in volto
         Come si legge la disperazion!
         Fermalo; e lo conduci a me d’appresso.
          
         Rosalia
         Con tutto il mio piacer
         La servo adesso.
         (parte, indi ritorna con Ermanno)
          
         Ernestina
         Mi fa pietà! Conosco
         De’ miei vezzi la forza convulsiva.
         Se Giove mi vedesse
         Quando vado in carrozza in vago arnese,
         Trasformeriasi in un cavallo inglese.
          
         Rosalia
         (conducendo Ermanno)
         Eccolo il moribondo.
          
         Ernestina
         Non fuggir pargoletto
         Nell’arte di Cupido; ascolta prima
         Quanto puoi, quanto vale
         Il talento muliebre,
         E poi inarca le ciglia e le palpebre.
          
         Ermanno
         Che mai potete dir! Come tranquilla
         Render quest’alma mia?
          
         Ernestina
         [Adesso,
         (a Rosalia) porta due sedie, e via.]
          
          
         Scena nona
         Ernestina ed Ermanno seduti, indi Gamberotto, Buralicchio e Rosalia da parte, e finalmente un Capitano con soldati.
          
         Ernestina
         Tu m’ami dunque?
          
         Ermanno
         E il domandate?
          
         Ernestina
         E quale
         Oggetto ha questo amor, bramo sentire.
          
         Ermanno
         D’essere corrisposto, oppur morire.
          
         Ernestina
         Morir? come? non sai,
         Figliuolo di Sofia, che vuol dir morte?
          
         Ermanno
         Vuol dir finir le pene.
         [In altra guisa io noi saprei descrivere.]
          
         Ernestina
         Sbagli. Morte vuol dir cessar di vivere.
         [Quanti fogli osservai!
         Quanti volumi sviscerai! sudai,
         Studiai, mi affaticai
         Per superare ogni difficoltà,
         Finché scoprii questa gran verità.]
          
         Ermanno
         Mi deridete forse?
          
         Ernestina
         Oibò! [non sono
         Letterata grottesca.
         Nacqui d’un altra pasta,]
         Son letterata seria, e tanto basta.
          
         Ermanno
         Dunque che far degg’io?
          
         Ernestina
         (con enfasi) Scusate, o Muse,
         Se contro il voler vostro
         Tutto quel che ho celato ora gli mostro.
          
         N. 15 Quintetto
         Speme soave, ah, scenda
         In te come un profluvio,
         E immerso in un diluvio
         Di gioia io ti vedrò.
          
         Ermanno
         Son legge i cenni tuoi,
         Se tu lo vuoi vivrò.
          
         Rosalia
         Signo...
(Rosalia entra per avvertire Ernestina dell’arrivo di Gamberotto, che giunge con Buralicchio, ma Gamberotto le tura la bocca, e restano tutti in disparte ad osservare.)
          
         Gamberotto
         Sta zitta, bestia...
         Come? Colui sta qua?
         Ah! razza di pettegola!
         Figlia chi sa di chi!
          
         Buralicchio
         Lasciateli, lasciateli
         Facciano il loro comodo,
         Per me son uom pacifico
         Sul gusto di Parì.
          
         Rosalia
         La cosa si fa seria
         Finisce male il dì.
          
         Ermanno
         Mi promettete amore?
          
         Gamberotto
         Amore!..
          
         Buralicchio
         Poverino!
          
         Ernestina
         Consiglierò il mio core.
          
         Gamberotto
         Il core!..
          
         Buralicchio
         Fa benino.
          
         Gamberotto
         (additando la testa di Buralicchio)
         Che testa è questa o stelle!
         Più dura non si da.
          
         Buralicchio
         Ma se son bagatelle
         Non me n’importa un ‘a’.
          
         Ermanno
         Da quelle luci belle
         Spero felicità.
          
         Ernestina
         Le dolci tue favelle
         Mi destano pietà.
          
         Rosalia
         Parole sono quelle
         Che sospettar fan già.
          
         Gamberotto
         (facendosi avanti)
         Prole d’un padre equivoco
         Nata fra zucche e cavoli,
         I miei mandati ed ordini
         Si eseguono così?
          
         Ermanno, Ernestina, Rosalia, Gamberotto e Buralicchio
         Qual improvviso fulmine
         Oh Ciel, m’incenerì!
          
         Capitano e Coro di soldati
         (ad Ernestina)
         Per ordine supremo
         Con noi or marcerete.
         Voi prigioniera siete,
         Pensate ad ubbidir.
          
         Buralicchio
         (giubilando da sé)
         (L’affare andò benissimo,
         Or non v’è più che dir.)
          
         Ernestina
         (al Capitano)
         Qual insulto. Perché mai?
         Signor, in che mancai?
          
         Coro
         Non più: tutto saprai,
         Per or pensa a venir.
          
         Gamberotto, Buralicchio, Rosalia, Ernestina e Ermanno
         Questo colpo inaspettato
         Non poteasi preveder.
         Resta ognuno senza fiato
         E che far non può saper.
          
         Così ratto qualche volta
         Dalle nubi il fulmin scende,
         E i slanci non comprende
         L’atterrito passaggier.
         (Partono tutti, ed Ernestina fra i soldati.)
          
          
         Scena decima
         Frontino e Rosalia che ritorna.
          
         Recitativo        
         Frontino
         La padrona in arresto?
          
         Rosalia
         Sì, in arresto.
          
         Frontino
         La sarebbe pur bella
         Che il signor Buralicchio,
         Credendo alla fandonia che inventai,
         L’avesse denunziata!
         Oh, questa cosa non l’avrei pensata.
          
         Rosalia
         Perciò pria d’intraprender qualche affare
         Bisogna preveder le conseguenze
         Che derivar ne possono.
          
         Frontino
         Dico che un indovino
         Preveder nol poteva niente affatto.
          
         Rosalia
         Pensa al rimedio, ora che il male è fatto.
         (Partono)
          
          
         Scena undicesima
         Buralicchio, poi Gamberotto.
          
         Buralicchio
         Oh che bel colpo è questo! in capponara
         Sta chiusa la pollastra;
         Così s’ingrasserà, ma in conclusione
         La credono gallina, ed è un cappone.
          
         Gamberotto
         Fermati turcimano... e tu permetti
         Che la mia figlia vada
         In arresto, e con tanta indifferenza
         Vedi partir la sposa
         Senza sentirne un’ombra di disgusto?
          
         Buralicchio
         La sposa... ah! ah! mi fate
         Ridere più di quel che voi pensate.
         Non sapete che io
         La ripudio, la lascio e la divorzio!
          
         Gamberotto
         Perché?
          
         Buralicchio
         Perché di lei
         Non so che cosa farne, padron mio.
         Intendami chi può, che m’intend’io.
          
         Gamberotto
         Povera figlia mia! E hai tal coraggio?
          
         Buralicchio
         E che vuoi che ci faccia? Buon viaggio.
          
         Gamberotto
         Ah mascalzon!..
          
         Buralicchio
         (Ma che briccon! Vedete
         Come la finge bene.)
          
         Gamberotto
         Il mio germoglio
         Prigione? Astri bricconi
         E lo soffrite? E ancor non fulminate
         Cinque, o sei temporali
         Contro il perfido autor di tanti mali?
          
         N. 16 Aria        
         Il mio germe, che di Pallade
         È il più ricco sublimato,
         Soffrirà d’un astro ingrato
         Così fiera crudeltà?
          
         Numi rei senza coscienza
         Questo oprar sì impertinente
         Caro assai vi costerà.
         Una satira pungente
         La mia figlia vi farà.
          
         Correrà la China e l’Asia,
         Correrà la Tartarìa;
         La vezzosa figlia mia
         Metteranno in libertà.
         (Buralicchio sbuffa dalle risa.)
          
         No, non rider mamaluco,
         Che per te sta riserbata
         La più barbara sassata
         Della mia paternità.
         (parte)
          
         Recitativo        
         Buralicchio
         Se io non fossi certo
         Della certezza di questo accidente
         Crederei alle sue ciarle certamente.
         (parte)
          
          
         Antica prigione con finestroni altissim da’ quali riceve lume.
         Scena dodicesima
         Ernestina, indi Ermanno.
          
         Ernestina
         In sì funesto e tenebroso loco
         Sola rinchiusa, e senza libri, oh dio!
         Cosa farò? Mi lasci,
         Protettrice Minerva in questo stato...
         Sapessi almen in che ho mancato.
          
         Ermanno
         (dall’alto di un finestrone, dal quale scende coll’aiuto di una fune, avendo sotto il braccio un involto di panni)
         Ernestina? Ernestina?
          
         Ernestina
         Tu qui? come potesti?..
          
         Ermanno
         Tutto può amor.
         (consegnando ad Ernestina l’involto)
         Raccogli queste vesti.
         Furtivo mi introdussi
         Nella oscura prigion.
          
         Ernestina
         Ah! dal contento,
         Amico, io quasi manco in tal momento!
         (siede esaminando l’involto portato da Ermanno, che contiene un’uniforme, sino alla fine della cavatina di Ermanno)
          
         Ermanno
         Nella stanza ch’è sopra ove dimora
         Del custode la moglie
         T’abbiglierai con esse, e passeremo
         Del castello le soglie: intanto avremo
         Campo di esaminar d’onde deriva
         Il cenno rio, che libertà ti toglie;
         E poi, mia vita, e poi
         Degno se pur ne son, premiar mi puoi.
          
         N. 17 Cavatina
         Ermanno           
         D’un tenero ardore
         Accetta le prove,
         E lieto il mio core,
         Mio bene, sarà.
         (Ernestina si alza, ed Ermanno con essa; salgono sul finestrone per mezzo della stessa fune colla quale è disceso.)
          
          
         Villaggio attiguo al castello con varie case dalle quali sortiranno vari soldati
         Scena tredicesima
         Ernestina vestita da militare, ed Ermanno.
          
         N. 18 Scena e Rondò con Cori
         Ernestina
         Il periglio passò; fra poco io sono
         Alfine in libertà. Quanto mai devo
         Al tuo coraggio, alla tua fé; mio caro!
         Di vero amor novello esempio, e raro.
          
         Se per te lieta ritorno
         L’aure aperte a respirar,
         Grata sempre a te d’intorno
         Tu m’avrai, mio dolce amor.
          
         Coro di soldati
         Allegri, o compagnoni,
         Fra poco marceremo.
         Le palle ed i cannoni
         Andremo ad affrontar.
         Beviamo, e la vittoria
         Si corra ad affrettar.
          
         Ernestina
         Stimoli anch’io di gloria
         Sento nel petto mio.
         Dite come dich’io:
         Viva la guerra e amor.
          
         Coro
         Bravo! ragazzo mio.
         Viva la guerra e amor.
          
         Ernestina
         (Vicina al termine delle sue pene
         Di gioia l’impeto più non sostiene
         Quest’alma misera piena d’ardor.)
          
         Coro
         Che caro giovine pieno di spirito,
         Oh come l’agita marziale ardor!
         (Partono.)
          
          
         Salone in casa di Gamberotto.
         Scena quattordicesima
         Frontino e Buralicchio.
          
         Recitativo        
         Frontino
         Avete fatto male.
          
         Buralicchio
         Come male?
          
         Frontino
         A far la spia al comandante. Questa
         È una vendetta indegna
         D’un’alma generosa; se la gente
         Saprà che voi soffiate così bene,
         Vi aggiusterà ben bene un dì le rene.
          
         Buralicchio
         M’aggiusti ciò che vuole.
         Ma pigliarmi così per burattino
         Non mi par una cosa
         Che abbi della coscienza,
         Della creanza e della convenienza.
          
         Frontino
         Vi consiglio a scappar, perché qui tutti
         S’armano contro voi, e il maggior pezzo
         Che resteravvi è il naso.
          
         Buralicchio
         Sarebbe veramente un brutto caso.
          
         N. 19 Finale secondo   
         Scapperò: questo mi pare
         Un bravissimo espediente.
          
         Frontino
         Io di scorta immantinente
         Se volete vi farò.
          
         Frontino e Buralicchio
         Ma mi par vien gente,
         Imbrogliato adesso sto.
         (si nasconde)
          
          
         Scena ultima
         Gamberotto con villani armati di bastoni, poi Ermanno ed Ernestina, indi tutti a suo tempo.
          
         Gamberotto
         (ai villani)
         Giro a dritta, mi seguite.
         Se troviam quello spione
         Li vogliamo un po’ il giubbone
         Per benino accomodar.
          
         Coro
         Ogni lato, ogni cantone,
         Si signor, vogliam fiutar.
         (Parte Gamberotto coi villani.)
          
         Buralicchio
         Oh cospetto! il fatto è serio
         Tremo, aimè! Dallo spavento!
          
         Ermanno
         Vieni pur, qui sei sicura;
         Caro bene, non tremar.
          
         Ernestina
         Ah! m’opprime lo spavento
         Posso appena respirar!
          
         Buralicchio
         Cosa vedo! Voi siete uscita?
          
         Ernestina
         Sì, crudele, per tuo dispetto.
          
         Ernestina ed Ermanno
         Ed il dolce nostro affetto
         Voi vedrete consolar.
          
         Buralicchio
         Se lo goda, se lo prenda,
         Non mi oppongo in verità.
         (Tornano i villani con Gamberotto.)
          
         Coro
         È già qui: or su quel dorso
         Il bastone pioverà.
         (minacciando Buralicchio)
          
         Ernestina
         Ah! fermate, che v’importa?
         Purché vada via di qua.
          
         Buralicchio
         Leviamoci la benda,
         Ché se non parlo schiatto.
         (ad Ermanno)
         La sposi, se la prenda,
         Non me n’importa affatto,
         Perché questa materia,
         (accenna Ernestina)
         Che voi chiamate femmina,
         Amici cari, è un musico!
          
         Tutti e Coro
         Ah! ah! ah! ah! ah! ah!
         Che bestia! oh dio! che bestia!
         L’eguale non si dà!
          
         Buralicchio
         Frontino me l’ha detto.
          
         Frontino
         Frontino, si signore.
          
         Ernestina
         Frontino non sarà.
          
         Gamberotto
         Frontino traditore,
         Perché tal novità?
          
         Frontino
         Per sciogliere quel nodo,
         Per far legarne un altro,
         Immaginai da scaltro
         Questo ingegnoso error.
          
         Ernestina
         Come?
          
         Ermanno
         Perdona, cara,
         Un temerario amore;
         Indegno del tuo core,
         Anima mia, non sono.
         (a Gamberotto)
         Chieggo da voi perdono
         A un labbro mentitor.
          
         Gamberotto
         Sposala pur, figliuolo,
         Il Ciel vi benedica.
          
         Buralicchio
         Ed io qui resto solo?
          
         Gamberotto
         Pazienza, caro amico.
          
         Buralicchio
         Non me n’importa un fico:
         Degna di me non è.
          
         Tutti      
         Che dolce momento, che giorno felice!
         La gioia e il contento brillare ci fa.
         L’equivoco è sciolto, ritorni la calma,
         Amore d’ogn’alma trionfo sarà.
          
          

 


Famous Composers Quick Link:
Bach | Beethoven | Chopin | Dowland | Handel | Haydn | Mozart | Glazunov | Schumann | R Strauss | Vivaldi
6:34:46 AM, 18 April 2014
All Naxos Historical, Naxos Classical Archives, Naxos Jazz, Folk and Rock Legends and Naxos Nostalgia titles are not available in the United States and some titles may not be available in Australia and Singapore because these countries have copyright laws that provide or may provide for terms of protection for sound recordings that differ from the rest of the world.
Copyright © 2014 Naxos Digital Services Ltd. All rights reserved.     Terms of Use     Privacy Policy
-212-
Classical Music Home
NOTICE: This site was unavailable for several hours on Saturday, June 25th 2011 due to some unexpected but essential maintenance work. We apologize for any inconvenience.